Del suo veloce volo



Del suo veloce volo

E chissà dove sarai amico
ripensandoti ti rivedo in me
la visione che avevi dell’amore
la tua ironia, e chissà dove sarai
Spesso da ragazzi passavamo insieme
sere inutili e fu in un giorno di
festa per gioco lo so, io lo so
lessi nella tua mano, vidi sulla mano
la tua fine…
E così oggi, dalla mia memoria,
scelgo il meglio della vita
e del suo veloce volo
che finisce come, sempre accade,
troppo presto
Qualcosa un po’ di te
mi è rimasto dentro
indimenticabile per gioco
lo so io lo so
lessi nella tua mano,
vidi sulla mano
la tua fine…


testo e musica di Antony Hegarty (traduzione di Manlio Sgalambro – Franco Battiato), Del suo veloce volo (edizione italiana di Frankenstein) in:
• Franco Battiato, Fleurs 2, Universal Music, 2008
• Franco Battiato, Del suo veloce volo (singolo), Universal Music, 2013
• Franco Battiato, Del suo veloce volo, Universal Music, 2013
• Franco Battiato, Le nostre anime, Universal Music, 2015
• Franco Battiato, Le nostre anime (edizione speciale), Universal Music, 2015

I commenti sono chiusi.