Prefazione a “Il giardino persiano”

Il giardino persiano Prefazione a “Il giardino persiano”

Io amo i corpi vestiti, dai fluttuanti tessuti di un defilé alla rozza tonaca di Teresa d’Avila. Credo a questa favola: da quando si coprì cominciò la storia dell’uomo. Ma lo stesso de Vos, magnifico sarto di corpi, li riveste dei suoi ammirevoli versi.


Manlio Sgalambro, Prefazione in Arnold de Vos, Il giardino persiano, Samuele, Fanna (PN), 2009, p. 7

I commenti sono chiusi.