Recensione a “Trattato dell’età”

L’obsoleto concetto di sviluppo intende coprire la distanza che separa il fanciullo dal vecchio, dando a intendere che questo sia il normale percorso e che, in ultima analisi, non ce ne siano altri. Lo sviluppo è, invece, a proposito la peggiore spiegazione escogitata dalla cultura occidentale. In realtà, vecchi si è per un colpo fulmineo e inopinato del fato, o se si preferisce per decisione di Dio. Ha quindi ragione il saggio Montaigne quando sostiene che una sola è l’età: avere cinque, dieci o vent’anni non vuol dire avere un’età, perché solo il vecchio ha un’età. Infanzia, adolescenza, giovinezza, maturità non sono che sfumature. L’età è solo una, per cui il bambino e l’adulto sono astrazioni sociali, oggetti culturali manipolati e manipolabili. E cosa c’entra, in ultima analisi, la filosofia con la vecchiaia? Non basta affermare che si è giunti a settant’anni per poter filosofare, perché si dovrebbe in realtà affermare che si è raggiunta quell’età per ottenere quella forma riflessa necessaria per la filosofia…
Queste pagine sgalambriane sono corrusche torri ciclopiche erette su un deserto infinito, tanto incrollabili quanto lo è la loro indurente vecchiezza. Con inesorabilità argomentativa esse tracciano una metafisica della senilità, in cui la vecchiaia è il simbolo stesso dell’essenza del mondo. Superbe le pagine dedicate alla vita matrimoniale, nelle quali il valore della durata del legame vincerebbe su tutto, anche sull’amore autentico; magnifiche quelle centrate sul rapporto fra la vecchiaia e la delusione. Se la verità è talmente profonda e dunque coincide nella linea del tempo con la fine, allora le delusione è quel “sempre dopo” su cui edificare il bilancio da parte della persona delusa, dove il fondamento veritativo consiste appunto nella sperimentazione del fallimento esistenziale. Ed è così che, a libro chiuso, sembra che Sgalambro stesso sia davanti a noi con il suo volto di pietra a domandarci: e se la vecchiaia non fosse lenta ma arrivasse così, tutta d’un tratto, con il sopraggiungere di una misteriosa causa?


Francesco Clemente, Recensione a “Trattato dell’età” in “Mangialibri”, 30 marzo 2016 – Collegamento esterno

Precedente L'impossibilità di essere consolati L'itinerario tragico di Manlio Sgalambro Successivo Recensione a “La morte del sole”