Variazioni e capricci morali

Variazioni e capricci morali

Manlio Sgalambro torna a difendere con passione la centralità del pensiero, dell’impegno morale che è per l’uomo l’unica bussola nei mari burrascosi della contemporaneità. Rifiutando le soluzioni preconfezionate della filosofia, Sgalambro percorre i confini dell’intelletto e si diverte a esplorare le contaminazioni dell’anima razionale con il corpo e l’amore. Moderno passeggiatore solitario, cosmopolita e amante del paradosso e delle citazioni, si confronta nel suo cammino con i grandi del passato, si accompagna a Hegel, evita accuratamente Socrate e Nietzsche. La scrittura, come una partitura musicale, procede così tra variazioni, capricci e contrappunti fino a lambire la soglia dell’illuminazione individuale, testimonianza di un pensiero forte, profetico, coraggioso.


Manlio Sgalambro, Variazioni e capricci morali, Bompiani, Milano, 2013 – Collegamento esterno

I commenti sono chiusi.