‘U cuntu


Inneres Auge

‘U sennu stamu piddennu ‘u sennu
ti ni stai accuggennu unni stamu jennu a finiri
‘ccu stu munnu ca sta ‘mpazzennu
luceunu ‘i stiddi dda
luntanu supra ‘u mari
li cosi cari parunu cchiù beddi
nan sacciu cchi fu a ieri visti ‘a motti
addummisciuta ‘nda ‘na gnuni
nan si uosi arrusbigghiari1
Hic et nunc non habeo dispositionem mentis
latus mundi insanus est
malus imbutus malis libidinibus


Note

1 Il senno stiamo perdendo il senno
te ne stai accorgendo dove stiamo andando a finire
con questo mondo che sta impazzendo
lucevano le stelle là
lontano sopra il mare
le cose care sembrano più belle
non so che fu ieri ho visto la morte
addormentata in un angolo
non si volle svegliare


testo di Manlio Sgalambro – Franco Battiato / musica di Franco Battiato, ‘U cuntu (con la partecipazione di Manlio Sgalambro) in Franco Battiato, Inneres Auge. Il tutto è più della somma delle sue parti, Universal Music, 2009

Precedente Inneres Auge Successivo Il mestiere dell'intelligenza nel recupero della parola