Prefazione a “Quadreria dei poeti passanti”

Quadreria dei poeti passanti

In questo libro Angelo Scandurra esercita il mestiere dell’intelligenza. Vi si sentono gli eccitamenti della letteratura eterna. La sua prosa sta tra l’essere e il non essere tesa a catturare l’idea di bello e l’idea di pensiero insieme. Non per caso ma perché tale è il suo proposito. Vi sono tante idee di prosa in questa età di confusioni. Ma è l’idea della letteratura, il suo canone, a dargli le indicazioni che ci soddisfano. Sono queste, credo, che segue Scandurra. Ammaliato dalle regole in cui traduce le sue emozioni e dall’idea che le regge: la prosa come opera chiusa, infine. Mi sembra che egli insegua questa superba chimera. Emozione e significato si danno per quello che sono. Nascono esseri di letteratura. Ciascuno causa di se stesso. Destino che l’autore del Cimitero marino riconosceva a tutto ciò che riesce. In questo libro un mixtum tratta di Idee regolate da Idee. Una stregoneria. Ma non si tratta nemmeno di un “discours de prose” se questo, come lo definiva Valéry, è un discorso che messo in altri termini adempie lo stesso officio. Qui, invece, ogni parola tende all’insostituibile.


Manlio Sgalambro, Prefazione in Angelo Scandurra, Quadreria dei poeti passanti, Bompiani, Milano, 2009, seconda di copertina

I commenti sono chiusi.