Amici, non ci sono amici



(Il rosso marziano illumina le notti
e il balenare dei sogni ne riluce.
Che bel rosso amici.
Contubernali, compagni di pranzi
e di cene, spezziamo il pane
facciamo mille atti assieme
l’adorabile tempo ci conduce.
Lo strepitoso esordio di una marcia
il fremito dei boschi, il vento
mi disperde in mille rivoli
tra i frassini. Sono pieno di echi
tramite sono di vita. Mi respiro
come aria pura.
Le imprese straordinarie di un eroe
i mille astuti agguati di un bandito
sono meno complicati del gesto
di un amico.
La scoperta di un nuovo continente
l’irresistibile ascesa di un capo,
il pianto sfrenato di una vedova,
nulla sono in confronto al gesto
di un amico.
Amici, un detto greco dice
non ci sono amici.
Ma che mi importa dei greci?)


Manlio Sgalambro, Amici, non ci sono amici in:
Tre poesie in Franco Battiato, Dieci stratagemmi, Sony Music, 2004
• Franco Battiato, Sette brani, Bompiani, 2007

I commenti sono chiusi.