Emma Bovary


Emma Bovary

Alla fine di settembre
carica d’umidità
io mi abbandono ai miei pensieri
né pentimenti né verità
La mia mente si scioglie nella tua bocca di bugie
lo sdegno per la tua violenza
io reclamo pietà
e dicevi a me
parle-moi d’amour
Settembre mi ascolta
piovoso e instabile
Aspetto ancora il mio momento
che presto verrà
Un luogo nel mondo
giusto per ingannare
la freccia che mi ucciderà
mio capitano andiamo avanti
L’ardore dei miei sensi
eternamente ritorna
con severo disordine
La febbre per le membra
la voluttà finale della verità
o di un colpo di pistola
Alla fine di settembre
carico di umidità
io mi abbandono ai miei pensieri
né pentimenti né verità
Il mio io si riprende
la sua monotonia
La luce s’illumina
in fondo ai viali
Aspetto ancora il mio momento
aspettando l’inverno


testo di Manlio Sgalambro / musica di Franco Battiato, Emma Bovary in:
• Patty Pravo, Emma Bovary (singolo), Triacorda, 1998
• Patty Pravo, Notti, guai e libertà, Triacorda, 1998
• Franco Battiato, Il ballo del potere (singolo), Universal Music, 1998

I commenti sono chiusi.